Queste sono le conclusioni di uno studio sponsorizzato dalla ALK-Abello pubblicato sul numero del 26 Aprile su JAMA condotto su pazienti con asma correlata agli acari della polvere nel periodo di riduzione dell’utilizzo dei farmaci cortisonici. Nello specifico, in sei mesi di trattamento si è avuta una riduzione assoluta stimata del 9-10% soprattutto a carico delle riesacerbazioni asmatiche moderate.

Sono stati studiati 834 adulti di età media di 33 anni con asma e rinite da acari della polvere scarsamente controllate in doppio cieco contro placebo.

Sebbene durante lo studio non ci sono stati decessi, si sono registrati episodi di anafilassi e gravi reazioni allergiche sistemiche. Ad ogni modo, le reazioni avverse più frequenti sono state lievi e rappresentate dal prurito, edema ed irritazione orale.

Malgrado i promettenti risultati, sono necessari ulteriori studi per valutare l’efficacia e la sicurezza a lungo termine dell’immunoterapia specifica sublinguale a compresse che dovrebbe essere presto disponibile anche nel nostro paese in regime di rimborsabilità da parte del Sistema Sanitario Nazionale.

Riferimenti

J. Christian Virchow, et al. Efficacy of a House Dust Mite Sublingual Allergen Immunotherapy Tablet in Adults With Allergic Asthma. A Randomized Clinical Trial. JAMA April 26, 2016, Vol 315, No. 16.

Il New Jersey è intenzionato a presentare una proposta di legge al Senato degli Stati Uniti che consente di segnalare sulla patente dei conducenti di veicoli a motore la loro condizione di allergici a farmaci come la penicillina, etc. Negli Stati Uniti ci sono circa 5,4 milioni di persone allergiche alla penicillina. La patente di guida è il mezzo più spesso utilizzato per cercare informazioni essenziali in caso di emergenza. Essa, pertanto, dovrebbero contenere informazioni che potrebbero salvare una vita in tali casi quando il tempo per prendere delle decisioni da parte degli operatori sanitari è breve. Sarebbe paradossale perdere una vita umana solo per aver ignorato informazioni già note come i farmaci da evitare a causa delle allergie!

Secondo la proposta di legge dello stato del New Jersey, gli automobilisti potranno far annotare volontariamente sulla patente la loro allergia da farmaci. Una proposta simile appare molto utile anche per il nostro paese e potrebbe essere estesa a tutta la cittadinanza con l’utilizzo della tessera sanitaria.

Riferimenti

New Jersey Assembly approves benefit for drivers with drug allergies

Dai dati presentati al recente congresso annuale della dell’Accademia Americana di Allergologia, Asma ed Immunologia (AAAAI) tenutosi a Los Angeles in California, i pazienti con orticaria cronica spontanea (o idiopatica) valutati dall’Allergologo osservano una marcata riduzione delle prescrizioni di corticosteroidi. I ricercatori della Johns Hopkins University School of Medicine di Baltimora hanno valutato le prescrizioni di steroidi su scala nazionale su 635 pazienti con orticaria cronica spontanea. Hanno osservato un aumento della prescrizione di steroidi 1.579 mg al mese, nei dodici mesi che precedono la visita allergologica, ed una diminuzione di 1.580 mg al mese, nei dodici mesi successivi. Tale riduzione appare correlata alla introduzione di farmaci immunomodulati di secondo livello.

Riferimenti

Roy A. Orden, et. al. The effectiveness of Allergy Evaluation in patients with chronic spontaneous urticaria. Abstract n. 789 Los Angeles 2016 AAAAI Annual Meeting.

Che l’asma avesse una qualche influenza sulla gravidanza e la fertilità femminile è cosa risaputa da tempo ma, tale dato era basato su studi di piccole dimensioni o su studi basati solo su questionari. Un recente studio prospettico osservazionale di coorte in via di pubblicazione sullo European Respiratory Journal condotto su 245 donne ha evidenziato una relazione tra l’asma ed un tempo più lungo della gravidanza ed un tasso inferiore di natalità. Nel dettaglio, il tempo totale medio per raggiungere una gravidanza è risultato 32,2 mesi nelle donne non-asmatiche e 55,6 mesi per quelle asmatiche. Le donne asmatiche risultano avere anche un minor numero di concepimenti e tale tendenza è più evidente nelle donne più anziane.

Alla luce di questi risultati, le donne asmatiche dovrebbero essere incoraggiate alla gravidanza in età più precoce ed ad ottimizzare il loro trattamento per l’asma nel periodo che precede il concepimento.

Riferimenti

Gade EJ, Thomsen SF, Lindenberg S, Backer V. Fertility outcomes in asthma: a clinical study of 245 women with unexplained infertility.Eur Respir J. 2016 Feb 11.

Alcuni studi epidemiologici, finora, hanno evidenziato una sorta di effetto “protettivo” (associazione inversa) tra malattie tumorali ed allergie. Un ulteriore recente studio, a conferma di tale osservazione, è quello guidato da alcuni ricercatori del Texas e pubblicato on-line il 5 Febbraio 2016 sulla rivista Cancer Epidemiology, Biomarkers & Prevention. Gli studiosi hanno avuto accesso ai dati epidemiologici di 5 diversi paesi ed inerenti le malattie allergiche ed i gliomi, tumori che rappresentano l’80% delle neoplasie maligne del cervello. Il team internazionale di ricercatori, nello specifico, ha esaminato i dati clinici di più di 4.500 pazienti affetti da glioma e quasi 4.200 persone senza cancro al cervello. Essi hanno riscontrato che la presenza di allergie respiratorie, asma e l’eczema è statisticamente associata con un ridotto rischio (-30%) di sviluppare un glioma. A fronte di tale dato, ora, è necessario capire la modalità di azione o come le allergie, l’asma e l’eczema svolgano il loro ruolo protettivo contro tali tumori per sviluppare nuove strategie di prevenzione e terapie anti-tumorali.

Riferimenti

E. Susan Amirian, Renke Zhou, et al. Approaching a Scientific Consensus on the Association between Allergies and Glioma Risk: A Report from the Glioma International Case-Control Study. Cancer Epidemiol Biomarkers Prev February 2016 25; 282.

Le penicilline sono tra i farmaci più spesso ritenuti responsabili di allergie. L’orticaria cronica è una condizione molto spesso scambiata per allergia alle penicilline. Un recente studio epidemiologico pubblicato su Annals of Allergy, Asthma and Immunology, da parte di ricercatori dell’Università della Pennsylvania di Philadelphia negli Stati Uniti, ha evidenziato che la prevalenza di orticaria cronica in pazienti che affermano di essere allergici alla penicillina è risultata 3 volte superiore rispetto alla popolazione generale.

L’orticaria cronica è quella sindrome che è caratterizzata dalla persistenza di pomfi per più di 6 settimane, che dipende raramente da una causa allergica e che può avere una durata imprevedibile. Alcuni studi sull’orticaria cronica hanno messo in evidenza che la malattia dura per più di un anno nel 50% dei casi e può arrivare a durare fino a 20 anni nel 20% dei casi.

La maggior parte delle reazioni allergiche da farmaci iniziano, invece, entro pochi minuti dall’assunzione del farmaco (reazioni allergiche immediate). Le manifestazioni di alcune reazioni allergiche possono comparire anche dopo alcune ore o giorni dall’inizio della somministrazione di un farmaco e possono perdurare per alcune settimane (reazioni allergiche ritardate).

Silverman ed i suoi colleghi di Philadelphia hanno hanno riesaminato le cartelle cliniche di 11.143 pazienti visitati presso il loro centro di Allergologica tra il 2007 e il 2014 e che riferivano allergia alle penicilline o orticaria cronica. In entrambi i gruppi di pazienti (quelli con riferita allergia alle penicilline e quelli con orticaria cronica), i ricercatori hanno cercato di trovare la percentuale di pazienti che hanno avuto sia allergia alla penicillina sia orticaria cronica.

Complessivamente, 1.332 pazienti dello studio hanno avuto una diagnosi di orticaria e, di questi ultimi, 666 pazienti hanno avuto una diagnosi di orticaria cronica. Tra i pazienti con la diagnosi di orticaria cronica, 220 hanno riferito di aver avuto una reazione avversa che ritenevano causata da una penicillina. I ricercatori hanno anche trovato che 440 dei 1.516 pazienti che riferivano di avere una allergia alle penicilline ha avuto orticaria, e 220 di questi aveva avuto un’orticaria cronica.

Hanno anche trovato 9.627 pazienti che non riferivano alcuna allergia alla penicillina. Di questi ultimi, solo 446 (4,6%) hanno avuto orticaria cronica. Quest’ultimo dato risulta in linea con i dati epidemiologi già noti che descrivono una prevalenza di orticaria cronica tra lo 0,5% ed il 5% nella popolazione generale. Tale dato appare, altresì, molto distante dalla prevalenza quasi 3 volte superiore (14,5%) osservata nei pazienti con riferita allergia alle penicilline con orticaria cronica.

L’osservazione epidemiologica di un apparente legame tra orticaria cronica e riferite allergia alle penicilline evidenzia la necessità di approfondire le “presunte” allergie da farmaci nei pazienti con orticaria cronica con gli opportuni test allergometrici per evitare l’incongrua eliminazione di tali antibiotici, l’impiego di farmaci alternativi, talvolta più costosi e meno efficaci per l’infezione in atto. D’altro canto, i pazienti che riferiscono di avere una allergia alle penicilline potrebbero effettivamente avere un’orticaria cronica. Tutti quei pazienti che riferiscono una allergia alle penicilline, pertanto, dovrebbero essere attentamente valutati dal medico per l’orticaria cronica.

Riferimenti

Silverman S, et al. Association between chronic urticaria and self-reported penicillin allergy. Ann Allergy Asthma Immunol. 2016 Jan 9. pii: S1081-1206(15)00825-X. doi: 10.1016/j.anai.2015.11.020. [Epub ahead of print]

Il recente Decreto Ministeriale dal titolo “Condizioni di erogabilità e indicazioni di appropriatezza prescrittiva delle prestazioni di assistenza ambulatoriale erogabili nell’ambito del Servizio Sanitario Nazionale” pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale il 21/1/2016 appare fortemente penalizzante per i pazienti allergici. Esso, infatti, prevede che la totalità degli esami diagnostici allergologici, sia in vivo (test cutanei a lettura immediata, ovvero, i prick-test, e quelli a lettura ritardata, i patch-test), sia in vitro (il dosaggio delle IgE specifiche) debbano essere autorizzati dagli specialisti del settore, non sono, cioè, più prescrivibili direttamente dal Medico di Medicina Generale e dal Pediatra di Libera Scelta.

Se, da un lato, il principio di base è condivisibile, ovvero evitare l’effettuazione di “esami inutili”, dall’altro, il decreto, a firma del ministro Beatrice Lorenzin, non tiene conto dell’esiguo numero di centri allergologici sull’intero territorio nazione in grado di fare da filtro, in tempi ragionevoli, per malattie, come quelle allergiche, che interessano, secondo le stime più recenti, fino al 30-35% della popolazione generale. I prevedibili ritardi nella diagnosi, poi, sono ancora più “pericolosi” se si considerano le forme potenzialmente fatali di allergie ad evoluzione anafilattica provocata dalle allergie alimentari, da farmaci e da veleno di insetti. Il precoce inquadramento diagnostico specialistico allergologico di tipo etiologico, ovvero tramite l’individuazione delle cause di anafilassi, consente, infatti, di fornire ai pazienti dettagliate istruzioni per l’evitamento degli allergeni responsabili, la autogestione di eventuale riesposizioni accidentali e, quando indicato, la prescrizione delle immunoterapie specifiche in grado di fornire alti indici di protezione nei confronti di nuovi eventi potenzialmente fatali.

Ci si augura, pertanto, che tale decreto rappresenti solo l’inizio di una più ampia riforma del settore che preveda una ampliamento del numero e dell’organico dei centri pubblici di Allergologia per non assistere impotenti ad un incremento di decessi per malattie allergiche potenzialmente evitabili.

Riferimenti

Decreto Ministeriale 9 dicembre 2015.

Pare che lo stesso premier russo, Vladimir Putin, si sia espresso contro gli atleti norvegesi asmatici che, secondo la sua opinione, sarebbero favoriti dall’utilizzo dei farmaci nelle performance sciistiche. La proposta di non far gareggiare gli asmatici appare, tuttavia, assurda e carica di pericolosi risvolti per l’intero mondo dello sport.

Riferimenti

Dalla Russia veleno contro la Norvegia: “I malati di asma dovrebbero essere fermati”

I non addetti ai lavori sono propensi a credere che in inverno i sintomi allergici scompaiono. Al contrario, alcuni pazienti possono manifestare sintomi allergici, o presunti tali, anche nei periodi freddi. Vediamo alcuni esempi.

Pollini invernali

I primi mesi dell’anno, infatti, fioriscono e, quindi, impollinano le Cupressacee. La prevalenza della pollinosi da Cupressaceae sembra essere in continuo aumento in concomitanza con l’incremento dell’uso dei cipressi come piante ornamentali, frangivento e di copertura.

I sintomi della pollinosi da Cupressaceae sono, spesso, simili a quelli di altre malattie stagionali come il raffreddore o l’influenza comune. La reale incidenza dell’allergia al polline di cipresso, pertanto, potrebbe essere sottostimata. Malgrado i sintomi possono comparire a tutte le età, l’esordio della pollinosi da Cupressaceae sembra più tipica dell’età adulta.

La ricomparsa costante ad ogni inverno di rinocongiuntivite rende più probabile la diagnosi di pollinosi da Cupressaceae che va confermata dall’Allergologo per mezzo dei test allergometrici. La corretta diagnosi consentirà di instaurare una terapia farmacologica generalmente con spray nasali a base cortisonica, antistaminici per via orale e, se indicato, con l’immunoterapia specifica. E’ importante che la maggior parte delle terapie siano intraprese, secondo le indicazioni dello specialista Allergologo, prima della comparsa dei sintomi per evitare le complicanze del mancato trattamento.

Rinite vasomotoria

Quando le temperature scendono, nelle nostre tasche ricompaiono i fazzoletti per fronteggiare gli “sgocciolamenti” del naso. Questi possono non essere dovuti ad un’allergia ma, essere causati da una rinite vasomoria. Si tratta di una rinite non allergica che provoca sgocciolamento del naso, scolo retro-nasale (post-nasal drip) e congestione nasale. E’ causata da diversi fattori scatenanti come i cambiamenti di temperatura, il vento, cambiamenti di umidità ambientale, odori, profumi e fumi particolarmente intensi.

La diagnosi della rinite vasomotoria può non essere semplice. Molti sintomi, infatti, sono comuni a quelli della rinite allergica. Non ci sono test specifici per tale malattia e, generalmente, la diagnosi si pone dopo aver attentamente escluso le altre possibili cause di rinite allergica e non allergica con l’aiuto di un Allergologo ed un Otorinolaringoiatra.

Allergia alle muffe

Le muffe sono dei funghi che producono “spore” come le piante producono semi. Le spore rimangono in sospensione nell’aria che possono essere inalate a provocare sintomi di allergia nelle persone sensibili. Esistono muffe degli ambiente esterni che crescono sui tronchi in decomposizione, tra le foglie cadute, i fili d’erba ed i cereali. A differenza della maggior parte che emettono pollini, le muffe non smettono di crescere durante i periodi freddi autunnali ed invernali ma, smettono solo di proliferare. Le muffe degli ambienti interni crescono negli ambienti particolarmente umidi come le cucine, i bagni e le cantine.

Per difendersi dalle muffe bisogna svuotare frequentemente i bidoni della spazzatura, evitare di accatastare legna in ambienti frequentati per lunghi periodi di tempo, tenere la casa asciutta, garantire un frequente ricambio d’aria soprattutto negli ambienti domestici particolarmente umidi, riparare il prima possibile le perdite di acqua dalle tubature e dai canali di scolo, etc.

Orticaria da freddo

L’orticaria da freddo è una forma di orticaria fisica che si caratterizzata dalla comparsa di orticaria ed angioedema in seguito all’esposizione al freddo. I fattori scatenanti di tale orticaria possono essere molteplici e sono rappresentati dai climi freddi, le bevande fredde e nuotare in acque fredde. Il sospetto di tali forme di orticaria può essere confermato dagli specialisti in Allergologia ricreando delle condizioni di raffreddamento con l’uso di un cubetto di ghiaccio posto sull’avambraccio, il test di immersione della mano nell’acqua fredda, etc.

Riferimenti

D. Charpin, M. Calleja et al. Allergy to cypress pollen. Allergy. Volume 60, Issue 3, pages 293–301, March 2005.

Bernstein JA. Nonallergic rhinitis: therapeutic options. Curr Opin Allergy Clin Immunol. 2013 Aug;13(4):410-6.

Rodrigues J, Caruthers C, et al. The spectrum of allergic fungal diseases of the upper and lower airways. Expert Rev Clin Immunol. 2016 Jan 16.

Abajian M, M?ynek A, Maurer M. Physical urticaria. Curr Allergy Asthma Rep. 2012 Aug;12(4):281-7.

I bambini con rinite allergica ed asma allergica persistente all’età di 4 anni possono avere un aumentato rischio di comportamenti di internalizzazione (asma e depressione) all’età di 7 anni. Secondo uno studio longitudinale pubblicato nel numero di Gennaio 2016 di Pediatrics, tale rischio sembra essere associato con il numero di malattie allergiche.

Dai risultati dello studio condotto da ricercatori di Kansas City, nel Missouri, i medici che si occupano di bambini ad alto rischio, soprattutto quelli nati da genitori allergici, dovrebbero essere consapevoli della maggiore possibilità (dalle due alle quattro volte) di sviluppare comportamenti di internalizzazione, soprattutto nei bambini con più malattie allergiche. Gli autori pongono l’accento sulla necessità di una attenta valutazione, anche psicologica, dei piccoli pazienti allergici, malgrado lo studio non abbia preso in considerazione la storia familiare di eventuali malattie mentali dei bambini analizzati, non sia generalizzabile a bambini al di fuori dell’ambiente urbano e si basa solo su dati forniti dai genitori.

Riferimenti

Nanda MK, LeMasters GK, et al. Allergic Diseases and Internalizing Behaviors in Early Childhood. Pediatrics. 2016 Jan;137(1):1-10

Pagina successiva »

echo '';