Agosto 2013


La Crystal Crociere statunitense ha recentemente annunciato l’intenzione di riservate 70 cabine “ipoallergeniche” sulla sua lussuosa Crystal Serenity senza alcun costo aggiuntivo.
Il progetto verrà messo in atto nel corso del rimessaggio della nave di novembre prossimo e sarà fruibile al pubblico già dal 27 del mese. Le cabine subiranno 7 fasi di “purificazione” e verranno dotate di filtri in grado di rimuovere, a detta della compagnia, il 99,9% di tutte le impurità e della polvere.

Riferimenti

Hypoallergenic Luxury Accommodations to Debut on Crystal Cruises – an Industry First

Negli Stati Uniti il numero di bambini con diagnosi di disturbo da deficit di attenzione (attention deficit disorder – ADHD), allergia e asma è in aumento in questo paese. Secondo un recente studio, ci potrebbe essere addirittura una correlazione tra la crescita di queste tre condizioni.

Lo studio, pubblicato nel numero di agosto degli “Annals of Allergy, Asthma & Immunology“, la rivista scientifica dell’American College of Allergy, Asthma and Immunology (ACAAI), ha evidenziato che vi è un aumentato rischio di ADHD nei ragazzi che hanno una storia di allergia o asma.

“L’ADHD, un disturbo cronico di salute mentale, è più comunemente riscontrato nei maschi, ed anche l’asma è più comune nei ragazzi rispetto alle ragazze”, ha dichiarato Eelko Hak, autore leader dello studio. “Abbiamo trovato che vi è un aumentato rischio di ADHD nei bambini con una storia di asma e un rischio ancora più forte associato con l’intolleranza al latte.”

Alcuni ricercatori nei Paesi Bassi e di Boston hanno studiato 884 bambini con ADHD e 3.536 ragazzi senza il disturbo. Dei bambini con ADHD, il 34 per cento è risultato affetto da asma e il 35 per cento da un disturbo allergico. Lo studio suggerisce che farmaci usati per il trattamento di queste patologie possono essere associate ad un aumentato rischio di ADHD.

Il dottor Gailen Marshall, capo-redattore degli Annals of Allergy, Asthma & Immunology ha affermato che “Sono necessarie ulteriori ricerche per capire il perché sembra esserci un aumentato rischio di sviluppare ADHD nei bambini con allergia e asma. I farmaci per queste condizioni sono di gran lunga superiori ai rischi e possono essere salva-vita in alcune condizioni. Il trattamento non deve essere interrotto a meno che non sia stato consigliato da uno Specialista Allergologo.”

Secondo l’ACAAI, allergia e asma spesso hanno una familiarità. Se entrambi i genitori hanno una allergia, il bambino ha una probabilità del 75% di essere allergico. Se nessuno dei genitori è allergico, la possibilità di un bambino di sviluppare un’allergia è solo del 10-15%. Allergologi sanno anche che allergie e asma sono collegati. Si stima che circa 60-80% dei bambini con asma hanno anche un’allergia. Le cause dell’ADHD sono, invece, sconosciute anche se si pensa che anche per questo disturbo ci sia una familiarità.

Riferimenti

Attention-deficit/hyperactivity disorder stimulant medication reaction masquerading as chronic cough. Ann Allergy Asthma Immunol. 2013 Aug;111(2):82-3.

Le vacanze, come qualsiasi altra attività, possono diventare motivo di preoccupazione per i pazienti con allergia alimentare e per i loro genitori. Qualche consiglio può aiutare ad evitare di rovinarci dei momenti di relax:

1. E’ bene parlare con l’albergatore, il ristoratore, i parenti o gli amici dove si sarà ospiti prima di partire per definire il menu e comunicare con chiarezza le esigenze dietetiche della persona allergica che viaggerà con noi. Può essere utile, ad esempio, evitare di far lasciare in giro ciotole “di cortesia” contenenti frutta secca, caramelle, biscotti, frutta etc. in base alle specifiche allergie alimentari.

2. Educhiamo i nostri ospiti sul concetto delle “contaminazioni crociate“. Anche se un alimento viene rimosso, lascia nel contenitore proteine alimentari potenzialmente allergizzanti fino a quando quest’ultimo non venga lavato con acqua e detersivo. Alimenti cosiddetti “sicuri” possono venire contaminati al contatto con altri alimenti o residui presenti su utensili e posate utilizzati per predisporre le pietanze.

3. Portiamo con noi pietanze “alternative sicure” soprattutto per i bambini allergici. Conoscere il menu in anticipo ci aiuterà a portare qualcosa di simile in modo che non si sentano emarginati.

4. All’arrivo, controlliamo l’ambiente dove verrà consumato il pasto. Diamo un rapido sguardo alla ricerca della possibile presenza di allergeni alimentari (anche se abbiamo già concordato il menu con l’ospite, qualcun altro potrebbe aver portato altri alimenti non previsti). Per i bambini più piccoli, possono essere pericolosi anche residui di cibo accidentalmente lasciati nell’area giochi o nelle scodelle degli animali domestici!

5. Portiamo salviettine disinfettanti per pulire sia le mani sia le superfici con cui il bambino allergico può entrare in contatto (es. piani d’appoggio o giocattoli condivisi).

6. Non dimentichiamo il farmaci di emergenza (antistaminici, cortisonici ed adrenalina) e rileggiamo, prima di partire, come andranno usati in caso di ingestione accidentale. Gli incidenti possono accadere anche quando si pensa di avere tutto sotto controllo!

7. Se è previsto un viaggio in aereo ed al paziente allergico è stato raccomandato di portare con sé l’adrenalina autoiniettabile, è importante chiedere alla compagnia aerea quali sono le sue politiche per l’uso ed il trasporto di tale farmaco già al momento della prenotazione. Solo alcune compagnie forniscono gli aeromobili di l’adrenalina autoniettabile e addestrano taluni membri dei loro equipaggi al primo soccorso ed all’uso del farmaco. Nella maggior parte dei casi, quindi, l’uso dell’adrenalina sarà affidata al paziente stesso. L’adrenalina e gli altri farmaci per l’emergenza vanno, pertanto, portati con sé in cabina. In molti casi può essere necessario procurarsi una lettera del proprio Specialista Allergologo o Medico di Medicina Generale che spieghi il perché è necessario avere l’adrenalina sempre dietro. Ciò consentirà di di passare attraverso i controlli all’imbarco.

Riferimenti
Food Allergy Research and Education

Travelling with allergy
Allerglobal
Food-info.net