Aprile 2016


Queste sono le conclusioni di uno studio sponsorizzato dalla ALK-Abello pubblicato sul numero del 26 Aprile su JAMA condotto su pazienti con asma correlata agli acari della polvere nel periodo di riduzione dell’utilizzo dei farmaci cortisonici. Nello specifico, in sei mesi di trattamento si è avuta una riduzione assoluta stimata del 9-10% soprattutto a carico delle riesacerbazioni asmatiche moderate.

Sono stati studiati 834 adulti di età media di 33 anni con asma e rinite da acari della polvere scarsamente controllate in doppio cieco contro placebo.

Sebbene durante lo studio non ci sono stati decessi, si sono registrati episodi di anafilassi e gravi reazioni allergiche sistemiche. Ad ogni modo, le reazioni avverse più frequenti sono state lievi e rappresentate dal prurito, edema ed irritazione orale.

Malgrado i promettenti risultati, sono necessari ulteriori studi per valutare l’efficacia e la sicurezza a lungo termine dell’immunoterapia specifica sublinguale a compresse che dovrebbe essere presto disponibile anche nel nostro paese in regime di rimborsabilità da parte del Sistema Sanitario Nazionale.

Riferimenti

J. Christian Virchow, et al. Efficacy of a House Dust Mite Sublingual Allergen Immunotherapy Tablet in Adults With Allergic Asthma. A Randomized Clinical Trial. JAMA April 26, 2016, Vol 315, No. 16.

Il New Jersey è intenzionato a presentare una proposta di legge al Senato degli Stati Uniti che consente di segnalare sulla patente dei conducenti di veicoli a motore la loro condizione di allergici a farmaci come la penicillina, etc. Negli Stati Uniti ci sono circa 5,4 milioni di persone allergiche alla penicillina. La patente di guida è il mezzo più spesso utilizzato per cercare informazioni essenziali in caso di emergenza. Essa, pertanto, dovrebbero contenere informazioni che potrebbero salvare una vita in tali casi quando il tempo per prendere delle decisioni da parte degli operatori sanitari è breve. Sarebbe paradossale perdere una vita umana solo per aver ignorato informazioni già note come i farmaci da evitare a causa delle allergie!

Secondo la proposta di legge dello stato del New Jersey, gli automobilisti potranno far annotare volontariamente sulla patente la loro allergia da farmaci. Una proposta simile appare molto utile anche per il nostro paese e potrebbe essere estesa a tutta la cittadinanza con l’utilizzo della tessera sanitaria.

Riferimenti

New Jersey Assembly approves benefit for drivers with drug allergies